Nunatak n. 63 – inverno 2022

SOMMARIO

Editoriale

La salute prima di tutto?,
di Stefania Consigliere

Punta Corna e il nuovo estrattivismo
verde europeo
, di Alberto Valz Gris

La peste suina e il lockdown dei boschi,
di Giobbe e Livia

Sun Tzu in Val Padana. Appunti per un’ecologia
della guerriglia partigiana
, di Pepi

Erbe spontanee, sapori e saperi (terza parte),
di Pernice Nera

Punta Corna e il nuovo estrattivismo verde europeo

di Alberto Valz Gris (in Nunatak n.63)

La “transizione ecologica” programmata dell’Unione Europea ha poco di nuovo e di verde: uno dei suoi vettori è la rilocalizzazione dell’estrazione di minerali strategici entro i confini eu. Mentre il consumo di energia accumulata in batterie ricaricabili semplicemente “nasconde” le emissioni, la materialità di questa transizione investirà in particolare le aree di montagna. L’articolo si concentra sul progetto Punta Corna, nelle valli di Lanzo (to). Ma a cominciare dagli altri progetti di Alta Zinc, come a Gorno (bg), la questione si espande a tutti i territori montani…

nunatak.63.punta corna

Nuovo conto corrente

ATTENZIONE: Nunatak ha cambiato il conto corrente postale:

ccp: 001058594985
IBAN: IT61G0760101000001058594985
intestato a: Associazione Nunatak (To)

per abbonamenti, pagamenti e maggiori dettagli guarda qui

Un’altra idea di salute, di Stefania Consigliere

Un’altra idea di salute, di Stefania Consigliere
(estratto da Nunatak n. 62, autunno 2021)
VAI AL PDF

«…Anche in questo numero parleremo di salute e di cura. La volta scorsa l’abbiamo fatto da un punto di vista molto concreto, attraverso le parole di un’infermiera “bandita” dalla sua professione semplicemente perché ha continuato a curare la gente invece di abbandonarla a se stessa, così dimostrando nei fatti (ecco il suo “crimine” più grande) che un’alternativa alla “vaccinazione” di massa esiste eccome. Questa volta abbiamo voluto riprendere la questione ma “allargando lo sguardo”. L’abbiamo fatto con l’intervento di un’antropologa, Stefania Consigliere, nel quale viene affrontata l’idea di salute oltre gli stretti recinti della scienza medica occidentale e la squalifica da parte di questa di ogni altro approccio. È un invito a ripensare concetti quali salute, malattia, identità, individuo/collettività, concetti che troppo spesso diamo per scontati – anche in ambienti “di movimento” – nella prospettiva di dotare anche il nostro immaginario di strumenti di resistenza di cui c’è oggi più bisogno che mai…».

(dall’Editoriale di Nunatak, n. 62)

↓ Leggi tutto l’Editoriale ↓

Leggi tutto “Un’altra idea di salute, di Stefania Consigliere”

Nunatak n. 62 – autunno 2021

↑ VAI AL PDF ↑


SOMMARIO

Editoriale. Aver ragione non basta

Un’altra idea di salute, di Stefania Consigliere

Erboristi clandestini, di Rosa Canina, Lucio Porta, Silvana Caverna

“Ousitanio vivo” e l’irresistibile ascesa del Movimento Autonomista Occitano, di Lele Odiardo

Contro l’Operazione Titanio, di “Del colore della terra”

L’aumento del prezzo del legno nell’età del capitalismo verde, di D&G

Corda non dare a chi non la sa slegare, di Max Carico

Taifas, Collettivismo anarchico come forma di organizzazione,
di alcuni redattori

Guarire dalla paura – estratto da Nunatak n.61

ASCOLTA L’AUDIO-LETTURA DELL’ARTICOLO

VAI AL PDF DELL’ARTICOLO COMPLETO

Vai al pdf del “protocollo di prevenzione e cura”

Scarica l’articolo in formato stampabile (A4 fronte/retro)

…abbiamo scelto di affrontare la “questione Covid” da un punto di vista molto pratico e concreto. Abbiamo deciso di parlarne con un’infermiera, che vive in una valle piemontese, e che nell’ultimo anno e mezzo si è spesa senza sosta – insieme a diversi colleghi e colleghe – nel cercare di dare una mano a chi, ammalatosi di covid, si è trovato abbandonato dal servizio sanitario nazionale. Le abbiamo chiesto di raccontarci la sua esperienza, che crediamo molto più utile per comprendere la situazione di tante prese di posizione astratte o di principio, e qualche riflessione sugli scenari, presenti e futuri, della pandemia, delle cure domiciliari, dei vaccini, del green pass…

Nunatak n. 61 – estate 2021

↑ VAI AL PDF ↑

SOMMARIO

Editoriale

Guarire dalla paura. Intervista a un’infermiera piemontese
su Covid, cure domiciliari, vaccini

La guerra dei contadini in Tirolo. L’epopea del Bauernführer
Michael Gaismair (1524-1526), di Enzo Ianes (seconda parte)

I “Guardiani della valle di Rioni”. Il conflitto per l’acqua in Georgia,
di D&G

Erbe spontanee. Sapori e saperi.
Cicoria, Primula, Rafano, Raperonzolo, Topinambur, Valerianella,
di Pernice nera (seconda puntata)

Nunatak n. 60 – primavera 2021

↑ VAI AL PDF ↑

 

SOMMARIO:

Editoriale

La guerra dei contadini in Tirolo. L’epopea del Bauernführer Michael Gaismair (1524-1526), di Enzo Ianes (prima parte)

Risalire la storia, di Michela Zucca – Associazione Sherwood

Nonostante il turismo, di Trùc – Gruppo di escursionismo politico

Terminillo 2021, di Collettivo Balia dal Collare, Rieti

Nucleare italiano. Verso il Deposito unico nazionale?, di Lorenzo

Sinjajevina, Montenegro. La lotta contro le esercitazioni militari della Nato nei Balcani, di Livia

Sapori, ma soprattutto, saperi. Per l’estate (prima puntata): Borragine, Farinello, Gallio, Malva, Portulaca, di Pernice nera

Nunatak n. 59 – inverno 2020-2021

↑ VAI AL PDF ↑

 

SOMMARIO

Editoriale

“Siamo le nostre montagne”. Il conflitto armeno-azero
nella polveriera del Caucaso (seconda parte)
, di Pepi

Giocare con le tradizioni. La Bàla nelle Prealpi bresciane,
di “I gnari de la bàla la mor mai”

Alle origini del movimento autonomista occitano, di Lele Odiardo

Selce, frecce, fuoco. Saperi senza tempo né confini, di Lettore Anonimo

La cura è nella terra. Esproprio di terreni industriali in Valsusa,
di Autori vari

Con passo ostinato. Contro sgombero e speculazione,
di “FOA Boccaccio 003”, Monza

Drizziamo le antenne. Un appello, di Coda nera

Nunatak n. 58 – autunno 2020

↑ VAI AL PDF ↑

Siamo nel mezzo del diluvio. Per fare un’arca ci vuole il legno. Per cercare il legno ci vuole un’arca. Se davvero vogliamo uscire da questo cortocircuito, forse dobbiamo smetterla di impazzire a cercare il giusto cammino, forse dobbiamo solo incominciare a camminare.

SOMMARIO

Editoriale

“Siamo le nostre montagne”. Il conflitto armeno-azero
nella polveriera del Caucaso (prima parte)
, di Pepi

Forme dell’abitare come armi coloniali. Il caso degli Inuit
(in Canada e Groenlandia)
, di Stefano David

Un latitante in trattoria. Memorie dalla clandestinità, di “Giorgio”

Le lune del legno. Cicli lunari e astrali per la lavorazione del legno,
di Mikel

1930: Cronache dalla frontiera, di Lele Odiardo

Un mirtillo americano sulle Alpi. Racconti e riflessioni
di una raccoglitrice occasionale
, di Gabra

La montagna? Una cosa troppo seria per lasciarla agli alpinisti,
di Gianni Sartori