EDITORIALE – Nunatak n. 48, autunno 2017

INDIPENZA, AUTODETERMINAZIONE, AUTONOMIA…

Sull’onda delle recenti consultazioni svoltesi in Catalunya, nel Kurdistan iracheno e (in tutt’altro scenario) in Lombardia e Veneto, nelle ultime settimane il tema dell’indipendenza nazionale ha suscitato un particolare clamore mediatico. Per la redazione di questa rivista, i concetti di autodeterminazione, indipendenza, autonomia, sono da sempre temi ricorrenti, talvolta affrontati in modo esplicito, più spesso tra le righe, “sottotraccia”; l’occasione ci spinge oggi a provare ad affrontarli “di petto”, con questo editoriale “speciale”, più lungo del solito. Continue reading “EDITORIALE – Nunatak n. 48, autunno 2017”

Nunatak n. 16 – autunno 2009

↑ SCARICA IL PDF ↑

SOMMARIO:

Editoriale

Appunti sparsi di storia sudtirolese (Marco)

L’uso delle ghiande nell’alimentazione umana (Felix Rodrigo Mora)

Il fascismo nelle campagne. Repressione, restaurazione, propaganda (Giobbe)

Piovono pietre (Un monello)

Coltivare con il cippato (Sylvain)

Pascoli e divise. Sulle tracce della militarizzazione della montagna (Loris)

Fiumi senza dighe. Mobilitazione in solidarietà con la Comunidad Pillan Mahuiza (Lucas Chiappe)

L’Oltrepò visto dalla luna. Viaggio nel paesaggio attraverso i gesti dei contadini (Federica Riva)

Nunatak n. 3 – estate 2006

↑ SCARICA IL PDF ↑

SOMMARIO

Editoriale

Per restituire un favore (Massimo, spazio No Inceneritore No Tav – Trento)

La notte del sole (Ale)

Dei e prigioni sul tetto del mondo (John Bergiorine, viaggiatore)

Appunti per una storia critica dell’alpinismo. Seconda parte (Barbara, Alpi libere – Valchiusella)

Insediamenti montani, autogoverno, comunità e solidarietà (Loris)

Così rapidamente crescono, tanto rapidamente sono destinati a crollare. Dall’architettura rurale del Gran Paradiso, spunti di critica all’egemonia del cemento armato (Giò)

Alice in Wanderlust. Accarezzare la terra, danzare la vita (Fraire Jacu, vagabondo silvestre)

Uomini e marmo. Corrispondenza dalle Alpi apuane

Il pane di una volta (Giobbe)