Punta Corna e il nuovo estrattivismo verde europeo

di Alberto Valz Gris (in Nunatak n.63)

La “transizione ecologica” programmata dell’Unione Europea ha poco di nuovo e di verde: uno dei suoi vettori è la rilocalizzazione dell’estrazione di minerali strategici entro i confini eu. Mentre il consumo di energia accumulata in batterie ricaricabili semplicemente “nasconde” le emissioni, la materialità di questa transizione investirà in particolare le aree di montagna. L’articolo si concentra sul progetto Punta Corna, nelle valli di Lanzo (to). Ma a cominciare dagli altri progetti di Alta Zinc, come a Gorno (bg), la questione si espande a tutti i territori montani…

nunatak.63.punta corna